Flotta

Conservare una testimonianza viva della tradizione remiera Veneziana

Grazie al genio dei maestri d’ascia veneziani e alla volontà di recuperare e salvaguardare la testimonianza di un patrimonio frutto di antiche conoscenze e saperi, Gloria Rogliani conserva alcune imbarcazioni tradizionali che rappresentano una memoria tangibile, dell’enorme patrimonio culturale della tradizione remiera Veneziana.

Gondola del ‘600

gondola-dogaressa-tours-2-1024x682 Flotta

A Venezia la gondola è la barca per definizione. L’esemplare in dotazione è il risultato di un’accurata ricostruzione storica di una versione seicentesca.

Il progetto, ideato dallo storico Gilberto Penso e guidato dal maestro d’ascia Matteo Tomaia, si basa su due documenti del XVII secolo, scritti da Theodoro De Nicolò e Stefano De Zuane e custoditi nella biblioteca Marciana, che riportano fedelmente le misure delle gondole costruite all’epoca.

Il particolare ferro da prua e il tradizionale felze, la struttura mobile utilizzata per riparare i passeggeri, sono stati ricostruiti sulla base di reperti archeologici e dipinti dalla fucina artistica del maestro Alessandro Elvas.

Il risultato di questo grande progetto di archeologia navale, è stato donato a Gloria Rogliani, dalla Confartigianato di Venezia, nell’ambito del premio “progetto per la città” come riconoscimento per aver riavvicinato i giovani al remo e alle tradizioni veneziane.

Batea da Fresco

batea-da-fresco-2-1-1024x683 Flotta

La tradizione marinara veneziana è molto antica ed ha prodotto una grande varietà di imbarcazioni, guidate rigorosamente con la tecnica della voga ad un remo. Tra queste risalta, per i suoi colori vivaci e caldi e la forma affusolata, la “Batea da fresco”, una barca a fondo piatto usata fin dai tempi della Serenissima da nobili e patrizi per spostarsi lungo gli stretti canali della laguna alla ricerca delle frescure estive.

Quest’usanza si è tramandata nel tempo e ancora oggi viene rievocata da festività e manifestazioni, trovando la sua massima espressione nel Redentore, la popolare festa veneziana celebrata sull’isola della Giudecca.

Bragòzzo

il_gusto_del_doge6-1024x623 Flotta

Il Bragòzzo è un’antica imbarcazione da pesca e da carico, tipica del mare Adriatico. L’esemplare in dotazione alla flotta Dogaressa è appartenuto ai “Crea”, un’importante famiglia marinara veneziana.

Dopo un accurato restauro ad opera dello stesso Franco “Crea”, maestro d’ascia e “Re del remo”, nel 2015 è tornato a solcare le onde della laguna veneta.

Proprio come nella tradizione, sul Bragòzzo sono raffigurati degli ànzoli, gli angeli in dialetto veneziano, con un mazzo di fiori tra le mani; lo scopo di queste decorazioni deriva dall’antica usanza di invocare la protezione dei santi nelle lunghe navigazioni in mare aperto.

Grazie alle sue dimensioni e alla sua robustezza il Bragòzzo può ospitare un gran numero di persone e navigare anche fuori dalla laguna.

Allo stesso tempo, il suo fondo piatto gli consente di addentrarsi tra le acque basse dei punti più suggestivi di Venezia, come il Canal Grande. ll Bragòzzo di Dogaressa è dotato di due alberi muniti di vela, di forcole e di otto lunghi remi. Queste caratteristiche rendono il Bragòzzo un’imbarcazione estremamente versatile, che può essere vogata, condotta a vela o a motore a seconda dell’itinerario.